HAIRSTYLE. MOOD E COLORI DALLE PASSERELLE PRIMAVERA-ESTATE 2019.

HAIRSTYLE. MOOD E COLORI DALLE PASSERELLE PRIMAVERA-ESTATE 2019.

Ad ogni stagione, le collezioni dei guru del fashion system rappresentano una ricchissima fonte d’ispirazione tanto per le donne quanto per gli acconciatori. Per la Primavera Estate il panorama è davvero vastissimo ed è interessante osservare come, nella maggior parte dei casi, all’interno di una stessa passerella convivano gli stili più diversi.
Una sorta di frattura con il passato, quando il couturier standardizzava l’hair look: tutte le modelle che sfilavano on stage erano praticamente pettinate allo stesso modo. Ma anche uno specchio di quanto accade nella quotidianità, dove vige la massima libertà di scelta. Nessuna omologazione, quindi, ma un hairstyle all’insegna del tailor made.

I MOOD.

Qualcosa di più dello stile capelli. Perché dire mood significa andare oltre l’apparenza, per scoprire la giusta rappresentazione di noi stessi. E in questa ricerca la figura dell’hairstylist, la sua consulenza, i suoi consigli sono fondamentali. Altrettanto fondamentale, però, è prendere spunto dall’universo fashion, che propone innumerevoli suggerimenti non solo per l’outfit ma anche per scegliere un taglio rinnovato, un nuovo modo di pettinarsi. Come abbiamo voluto evidenziare attraverso i quattro mood che presentiamo, a volte può bastare un dettaglio per darci un senso positivo di vitalità, di energia, di entusiasmo verso il futuro.

Easy Long

La chioma fluente non passa mai di moda perché è il massimo simbolo di femminilità. Di stagione in stagione, però, si trasforma il modo di interpretarla. I mesi caldi del 2019 la vogliono perlopiù naturale, libera e lucente. E se qualche couturier chiede all’hairstylist una versione messy e un po’ wild allora si tratta dell’immancabile eccezione alla regola. Per le più sofisticate, occhio ai dettagli: un fiore o due eleganti fermagli possono fare la differenza.

Glam Short

I tagli corti sono senza dubbio i più originali, dallo spirito moderno e glam. Lisci, mossi e texturizzati oppure ultrashort, rivelano una personalità forte e il desiderio di mettere in luce il viso in tutta la sua unicità. E, quando sembrano dotati di una forza maschile, inducono alla ricerca di una femminilità intensa e misteriosa. Un’ultima curiosità: di recente, anche i carré appena sotto l’orecchio vengono annoverati fra i corti. Lo affermano gli addetti ai lavori, quindi non c’è da dubitarne!

Micro Fringe

L’abbiamo vista sulle passerelle delle sfilate Primavera Estate e indossata da celebs come Emma Watson e Katy Perry: la frangia mini riporta in auge un look sbarazzino, frizzante e unconventional. Lunga appena qualche centimetro, per lasciare il volto scoperto e lo sguardo in primo piano, può essere simmetrica e precisa ma anche sfilata e irregolare oppure portata a ciuffo. Purché sia super-micro.

New Generation Updo

Che siano apparentemente self made o “strizzati” e tirati a lucido oppure movimentati e un po’ rétro, i capelli raccolti vanno alla grande anche per la primavera/ estate che ci aspetta. Mini bun costruiti nei punti più diversi del capo, ponytail basse e attorcigliate su se stesse, trecce e intrecci di tutte le fogge. Non resta che scegliere cosa indossare on the beach e cosa esibire by night.

 

I COLORI.

I colori “naturali” ovvero non particolarmente elaborati, ma giocati magari con lievi contrasti ton sur ton sono stati i grandi protagonisti delle passerelle Primavera Estate. Superfluo quindi riproporli qui. Allora concentriamoci su quanto di più eccentrico è stato presentato da alcuni stilisti. Un divertissement fine a se stesso? No, non proprio. Piuttosto un’ispirazione per gli hairstylist e per le loro clienti più “coraggiose”, fashioniste, urban addicted. Non mancano novità facili da vivere, che faranno molto parlare di sé.

 

About White. A volte sorprendentemente purissimo, a volte accarezzato da un tocco grigio chiarissimo oppure rosato. Stiamo parlando del bianco. Protagonista assoluto della sfilata Primavera Estate di Comme des Garçons, ha trovato posto – in diverse versioni – anche nei runway di Blumarine, Marc Jacobs, Miu Miu e Fendi.

La Tête en Rose. L’ispirazione pink può essere pop e decisa oppure accennata e soffusa, come per MSGM e Temperley London. Si lascia sedurre da accenti lilla e polverosi nella collezione di Saint Laurent, mentre Marc Jacobs e Annakiki traghettano dagli abiti ai capelli il colore dell’anno: Pantone Living Coral

And More. Colori spinti come l’azzurro pastello di Marc Jacobs e il dark black con ciocche dusty blue di Saint Laurent, ma anche tonalità più tranquille sebbene innovative che si imporranno effortless nello street style. Primo fra tutti il caramello. Dotato di temperamento caldo e sexy, ha furoreggiato su molte passerelle, ad esempio quelle di Aigner e By Malina. Anche il baby blond, algido e fascinoso al tempo stesso, ha avuto molti estimatori.

TORNA INDIETRO